Blog

Garanzia Giovani Veneto: 70% con contratto di lavoro stabile

Le difficoltà determinate dal periodo Covid-19, il tasso di occupazione, la tipologia di assunzione. Il report di agosto 2020 ci offre un quadro sfaccettato della situazione a livello regionale.

Garanzia Giovani Veneto prosegue con il suo obiettivo nonostante le difficoltà determinate dal periodo Coronavirus. Ad agosto 2020 è stato pubblicato il report n.44 sul portale di Veneto Lavoro. Il resoconto riguarda i risultati emersi nel corso della scorsa primavera e cogliamo l’occasione per confrontarci con questa interessante analisi. Partiamo dalla considerazione che l’emergenza Covid-19 e le limitazioni determinate dal periodo di contenimento hanno impattato sulle adesioni. Al 30 giugno 2020 scopriamo infatti che queste hanno raggiunto complessivamente quota 157.189, di cui circa 2.750 presentate tra aprile e giugno, periodo di lockdown. Le adesioni più ridotte si registrano nel mese di aprile - poco più di 500 - per poi risalire gradualmente fino alle 1.300 di giugno. Una quota comunque inferiore rispetto alla media del periodo.

Dal rapporto emerge che le adesioni effettive sono state 105.624, al netto di quelle annullate. “La quasi totalità delle adesioni valide si concretizza nella stipula del patto di servizio necessario per poter usufruire delle opportunità offerte dal Programma, per un totale di oltre 103 mila patti stipulati” esplicita il report. Per chiarire: i patti di servizio sono gli atti che concretizzano l’accesso alla Garanzia da parte del ragazzo o della ragazza in questione. Pur dovendosi confrontare con la complessità provocata dall’emergenza Covid-19, il Veneto si conferma tra le prime regioni in Italia per efficacia nella presa in carico. Questo calcolando il rapporto tra adesioni effettive e patti di servizio.

“I patti ancora attivi al 30 giugno 2020 sono 25.592, mentre 78.032, di cui 2.735 nell’ultimo trimestre, risultano conclusi - esplicita il report - Tre giovani su quattro escono dal Programma dopo aver trovato un lavoro o aver ripreso gli studi. I tempi di attesa tra l’adesione al Programma e la presa in carico sono generalmente brevi e mediamente pari a tre giorni”.

Focalizzandoci sui dati specifici scopriamo che circa 23 mila adesioni sono state ripresentate da giovani che avevano già aderito in precedenza e la distribuzione è omogenea tra maschi e femmine. La maggior parte dei giovani iscritti risiede in Veneto (91%), ha un’età compresa tra i 20 e i 24 anni (43%) e come titolo di studio possiede un diploma di scuola superiore (47%).

Garanzia Giovani: occupazione oltre il 70%

Non solo presa in carico e orientamento, la rete dei servizi per l’impiego del Veneto ha erogato oltre 55 mila interventi che comprendono attività di orientamento specialistico (16.241), formazione (17.858) e tirocini (11.716).

Ma il dato più interessante riguarda l’inserimento lavorativo effettivo scaturito dalle esperienze attivate tramite Garanzia Giovani Veneto che registra un tasso di occupazione del 70%. L’occupazione resta indubbiamente l’obiettivo principale al quale ambiscono i ragazzi che aderiscono all’iniziativa. I giovani che hanno ottenuto un’opportunità di lavoro dopo l’adesione sono complessivamente 95.357. Di questi, circa 72 mila risultano ad oggi occupati, mentre sono da aggiungere 25 mila ancora all’interno del programma e quanti potrebbero aver avviato un’attività di lavoro autonomo, svolto solo esperienze di tirocinio, trovato lavoro all’estero o ripreso gli studi.

Relativamente al tipo di contratto si evidenzia che il 58% dei giovani usciti dal programma è entrato nel mercato del lavoro con un contratto a tempo determinato o di apprendistato. Più bassa la percentuale di coloro che sono stati assunti subito a tempo indeterminato: 14%. Il 19% ha avuto un’opportunità professionale grazie a un rapporto di lavoro somministrato. Il 70% presenta un contratto di lavoro stabile. Ponendo la lente d’ingrandimento sulla distribuzione provinciale sul podio troviamo Vicenza, con il 18% di quanti hanno avuto un’opportunità di lavoro, per un totale di circa 17.500 giovani occupati. A seguire Treviso (17%), Padova (16%), Verona (12%), Venezia (11%), Rovigo (4%) e Belluno (3%). In diversi hanno trovato lavoro in altre regioni, principalmente in Lombardia, Emilia Romagna e Lazio. Turismo, commercio e industria meccanica i principali settori di sbocco. Uno su dieci ha lavorato in un comparto del Made in Italy, prevalentemente industria alimentare, legno-mobilio, tessile-abbigliamento e occhialeria. Più di 19.000 assunzioni hanno beneficiato degli incentivi previsti per i giovani iscritti a Garanzia Giovani, in particolare l’Incentivo Occupazione Giovani, attivo dal 2017 (6.358), e l’Incentivo Occupazione Neet, introdotto nel 2018 (9.585). Nonostante la complessità del periodo Garanzia Giovani Veneto continua a guardare al presente e al futuro del connubio giovani-lavoro.

                                                                                                                                       Sara Bellingeri

GET IN TOUCH

CONTATTI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
045 597108
Cod.Destinatario Fatt.Elettr.: W7YVJK9

DOVE SIAMO

Via Zeviani 8
37131 Verona

ORARI

Lun - Ven 9 - 14

NEWSLETTER