Blog

Verona: aperta la call per la realtà STEAM!

In arrivo un grande evento dedicato a scienza, tecnologia, ingegneria, matematica e arte organizzato dall’associazione We STEAM. “Creiamo rete tra chi opera in questi ambiti” spiega la presidente Serena Capodicasa.
Conto alla rovescia per un grande evento che riunisce scienza, tecnologia, ingegneria, matematica e arte all’insegna del confronto e del coinvolgimento. L’appuntamento è previsto a Verona nel mese di novembre sotto un titolo che è già tutto un programma: “Tecnologie per l’umanità”. Dal 13 al 26 novembre si alza il sipario su 2Weeks4STEAM, due settimane ricche di incontri rivolti a diverse fasce di età, compresi ragazzi e bambini.
“STEAM sta proprio per scienza, tecnologia, ingegneria e matematica alle quali abbiamo voluto aggiungere la “A” di arte - racconta con entusiasmo Serena Capodicasa, presidente dell’associazione We STEAM che sta curando l’intera organizzazione - L’arte in questo caso avrà il compito di rendere tutto più comunicabile e fruibile, sfatando anche il luogo comune che le discipline citate precedentemente in realtà non lo siano”.

Questa rappresenta la prima edizione ma l’idea fa capolino già tre anni prima grazie a suggestioni raccolte altrove, come spiega Serena: “Nel 2017 avevo partecipato a un evento a Milano riguardante il tema. Poi l’anno scorso c’è stata la conferma nel voler portare avanti il progetto che ha trovato il sostegno da parte di Francesca Briani, assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili del Comune con cui stiamo collaborando come associazione”.
Cuore pulsante di We STEAM è un gruppo multidisciplinare. Il team coinvolge persone di età compresa tra i 25 e i 37 anni che si occupano di aspetti diversi come comunicazione, arte, programmazione e management culturale. Punto in comune, per motivi di nascita, studio o lavoro, è la città di Verona e la volontà di creare opportunità per i giovani e non solo.

Verona chiama STEAM: la call è aperta
Tra gli obiettivi dell’evento, sul podio svetta quello di creare rete tra aziende, scuole, associazioni e fondazioni relative all’ambito STEAM. “Desideriamo mettere in luce le realtà del territorio che si occupano da tempo di queste discipline - sottolinea la presidente dell’associazione - Verona, è infatti, molto apprezzata per vari aspetti ma solitamente poco o per nulla conosciuta da questo punto di vista. Si conferma, invece, come uno dei poli logistici più importanti d’Italia”.
A febbraio è stata aperta la cosiddetta prima call (“chiamata”) alle realtà desiderose di aderire all’iniziativa e che avranno tempo di presentare il loro progetto entro il 30 di aprile. “Non ci sarà un’unica sede, chi vorrà potrà aprire le porte della propria. Stiamo in ogni caso lavorando al meglio, affinché non ci siano sovrapposizioni e per dare la possibilità di seguire più incontri.”
Il programma è ancora in costruzione e per ora non possiamo svelare nulla di preciso ma sappiamo che sono previsti laboratori, workshop e conferenze. Non mancheranno inoltre incontri realizzati nelle scuole e dedicati agli studenti e alle studentesse. “Sarà l’occasione per intrecciare le competenze e anche per promuovere la propria attività dandone dimostrazione diretta” evidenzia Serena.
Oltre alle due settimane di incontri è anche prevista una conferenza finale, il 27 e il 28 novembre, nella sede del Palazzo della Gran Guardia. Protagoniste voci di rilievo che racconteranno la loro storia legata alla ricerca scientifica, all’industria, alla tecnologia, all’informatica, all’arte e al design.

Miti da sfatare: discipline STEM a portata di tutti/e
Creare condivisione e confronto ma non solo. L’evento ideato e organizzato dall’associazione veronese punta a mettere a tappeto anche altri luoghi comuni relativi alle discipline targate STEM. “Grazie al coinvolgimento dell’arte vorremmo far capire che queste materie non sono noiose e nemmeno difficili come possono sembrare - sottolinea Serena - Prevediamo, infatti, sia incontri rivolti ad esperti o passionati del settore ma anche destinati a chi non ha conoscenze specifiche ma solo curiosità, in modo da non escludere e soprattutto “spaventare” nessuno”, conclude sorridendo.
Altro mito da sfatare, ormai radicato da anni, è quello che vede le discipline STEM identificate con l’ambito maschile. Per dimostrare che non è affatto così, la conferenza finale di novembre prevede la partecipazione di numerose relatrici di prestigio. La prova vivente di come scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, arte inclusa, possano essere una passione e un’opportunità di lavoro senza confini di genere. E nemmeno di curiosità.

Per ulteriori informazioni: www.westeamverona.it
                                                                                                                                                                                                                                Sara Bellingeri

GET IN TOUCH

CONTATTI

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
045 597108
Cod.Destinatario Fatt.Elettr.: W7YVJK9

DOVE SIAMO

Via Zeviani 8
37131 Verona

ORARI

Lun - Ven 9 - 14

NEWSLETTER